Dott. Carmine Di Palma
 
 
 
Studio di Cimitile (Nola)
 
 
 
Studio di Torre del Greco
 
 
 
ORARI:
Lun/Sab 15:00 – 20:00
CHIAMA:
3296009756
 
 
 
 
 
 

FIMOSI E CIRCONCISIONE

 

FIMOSI

 
Il termine fimosi indica la presenza di un restringimento del lembo di pelle scorrevole che copre il glande, che si chiama prepuzio. Tale anomalia rende difficoltoso scoprire completamente ed autonomamente il glande.
La fimosi può essere di due tipi: congenita o acquisita.

Nel primo caso il restringimento prepuziale è presente fin dalla nascita. La terapia dipende dalla gravità del restringimento. La forma acquisita si manifesta in età adulta in seguito ad infezioni fungine o batteriche del glande o del prepuzio (balaniti e balanopostiti) che determinano un infiammazione ed in seguito una possibile reazione di restringimento del prepuzio. Tale condizione deve solitamente essere trattata chirurgicamente.

Sulla base del grado di severità di questo restringimento la fimosi può essere classificata in serrata e non serrata.
La prima è caratterizzata da un restringimento tale da impedire lo scoprimento del glande anche a pene flaccido ed in casi limite può causare difficoltà ad urinare, ad avere rapporti sessuali e lavarsi. In tali casi la terapia è necessariamente la circoncisione. Nel caso in cui la fimosi sia non serrata si riesce a scoprire il glande a pene eretto solo parzialmente. In questo caso la terapia può essere basata su progressiva ginnastica di scorrimento e sulla ripetizione di esercizi finalizzati ad incrementare l’elasticità della pelle nella zona interessata, oppure chirurgicamente, sulla base delle caratteristiche della anomalia, dello stato di salute del paziente e delle sue esigenze.

TERAPIA CHIRURGICA

Vari sono i tipi di interventi che vengono valutati e consigliati dall'urologo, o dal chirurgo pediatra, oppure dal chirurgo plastico:

circoncisione classica o postectomia totale: si asporta tutto l'anello di prepuzio che stringe troppo mediante incisione circoferenziale per cui alla fine dell'intervento il glande rimarrà solo parzialmente coperto o scoperto totalmente.

resezione del foglietto interno prepuziale o postectomia parziale: si asporta soprattutto la parte interna cioè il cosiddetto foglietto mucoso-interno del prepuzio, lasciando quasi completamente intatto il foglietto esterno cutaneo ancora del tutto sano ed elastico. Pertanto alla fine dell'intervento il glande potrà essere ricoperto quasi totalmente.

chirurgia plastica-estetica di allargamento a “Zeta”singola o multipla del prepuziosecondo la tecnica di Mc Curdy e Recht : il chirurgo plastico effettua l'allargamento dell'anello di prepuzio che stringe, senza dover necessariamente asportare una porzione di prepuzio , e quindi permettendo di lasciare coperto il glande. Per fare ciò lo specialista chirurgo plastico o l'urologo utilizza la tecnica della cosiddetta “plastica a zeta singola o multipla” che consente l' allargamento dell'anello di prepuzio troppo stretto mediante la metodica dei piccoli lembi prepuziali a forma triangolare ad incastro tra loro che costituiscono appunto la tecnica a “zeta”. Per la esecuzione di tale accurata e precisa tecnica lo specialista chirurgo- plastico si avvale di lenti telescopiche di ingrandimento che consentono di utilizzare strumentario estremamente delicato costituito da micro-pinze , al fine di ottenere il migliore risultato dal lato funzionale e pure estetico.

plastiche elicoidali: tecnica di chirurgia plastica simile alla precedente , mediante confezionamento di due lembi triangolari prepuziali che comporta una sutura ad andamento elicoidale.

incisione dorsale del prepuzio sec. Duhamel: consiste nell'effettuare una incisione in senso longitudinale con bisturi sulla faccia dorsale del prepuzio in corrispondenza dell'anello prepuziale ristretto e nella sua sutura chirurgica in senso opposto trasversale : il risultato finale può essere” poco estetico” in quanto si può osservare una esuberanza prepuziale “ad orecchie di cane”.

circoncisione totale o parziale associata a neurotomia superselettiva a scopo “desensibilizzante del glande” secondo la tecnica proposta da Tullji: viene utilizzata solo in caso di eiaculazione precoce che non rispondesse a nessuna terapia.

 

CIRCONCISIONE

Lo studio del dottor Di Palma, offre la possibilità di effettuare l'intervento chirurgico di circoncisione laser in regime di “one day surgery” cioè nell’arco di un solo giorno, senza necessità di una degenza, ma con le medesime garanzie di qualità e sicurezza di quelle rese in regime di ricovero.
 
 
I vantaggi della chirurgia in regime di “one day surgery” sono rappresentati:

– dalla possibilità di mantenere immutate le proprie abitudini di vita;
– il ridottissimo periodo di invalidità;
– l’ambiente più sereno e confortevole rispetto ai normali reparti ospedalieri;
– la presenza sul posto dei familiari;
– la riduzione assoluta del rischio di infezione dei cosidetti “germi da ospedale”;
– l’eliminazione delle liste di attesa.

I vantaggi della circoncisione laser sono:

– Incisione precisa
– Immediata coagulazione
– Minima perdita di sangue
– Minor gonfiore
– Cicatrice esteticamente migliore
– Guarigione più veloce
 
La procedura chirurgica laser viene realizzata con una semplice anestesia locale. Si tratta quindi di una infiltrazione d’ anestetico direttamente sulla zona interessata. Al bisogno l’anestesista potrà somministrare al soggetto una sedazione intravenosa per abbassare il livello di vigilanza del paziente.


Nella procedura di circoncisione laser viene sostituito nelle incisioni il bisturi con il laser. Il tessuto interessato (prepuzio) viene rimosso attraverso delicate e precise incisioni che producono una immediata emostasi (cauterizzazione). Dopo la rimozione del prepuzio i lembi risultanti vengono uniti con punti di sutura riassorbibile. La incisione con il laser del prepuzio – a parità di altre condizioni – genera un minor ematoma e conseguentemente si ha una degenza mediamente meno impegnativa.